'
Le tue vacanze iniziano da qui...
Chiamaci senza impegno 0585 775057

Cosa vedere a Praga

Postato da: In: Destinazioni, Racconti di Viaggio 29 Set 2012 Commenti: 0 Tags: , ,

Praga è una città magica, ricca di ponti, cattedrali, di torri dorate e di cupole delle chiese, ma anche una moderna metropoli europea, che si specchia da più di dieci secoli nelle acque del fiume Moldava.

Ecco i luoghi da non perdere

Castello di Praga


Da sempre simbolo di potere, il complesso del Castello troneggia su Praga minaccioso e inaccessibile. Lunghe strade ripide, tra cui la splendida e faticosa Vie Nerudova, conducono alla scoperta di questo luogo in
cui da secoli si confondono storia e leggenda, sacro e profano. La Cattedrale di San Vito, simbolo della religiosità ceca, convive con il
Vicolo D’Oro, dove gli alchimisti voluti da Rodolfo II cercavano l’elisir di lunga vita e la formula magica per trasformare i metalli in oro.

La città Vecchia di Praga


Il centro del quartiere è la Piazza della Città Vecchia, da sempre luogo degli avvenimenti più importanti di Praga: dalle incoronazioni dei sovrani alle esecuzioni dei condannati. Questa storia travagliata si ritrova soprattutto nella
sovrapposizione di stili architettonici che si inseguono nella piazza, anche se l’aspetto è sempre equilibrato. Oggi l’attrazione
principale è l’orologio astronomico del Municipio che ogni ora dà “vita” alle statuette dei personaggi religiosi e civili che si muovono e inseguono in un antico rituale, anche se il vero monumento da non perdere sono le guglie gotiche della Chiesa di Týn.

La Cattedrale di San Vito


Tra le mura del Castello di Praga si erge questa splendida cattedrale gotica, una delle più grandi d’Europa: è lunga 124 metri, larga 60 e alta 33 metri. Chi arriva al Castello dopo aver visitato Mala Strana, la prima cosa che noterà è il contrasto tra il barocco del quartiere basso e le tipiche guglie appuntite della Cattedrale. L’interno è splendido ed uniforme, nonostante la costruzione si sia susseguita per sei secoli. Da visitare la Cappella di San Venceslao, la cripta sotterranea con i sepolcri dei re boemi e il tesoro con i gioielli per l’incoronazione dei sovrani.

Josefov, il ghetto ebraico di Praga


Le tombe disordinate del cimitero ebraico sono forse lo spettacolo più emozionante di tutta Praga. Raccontano la storia dello Josefov, il ghetto ebraico di Praga, a pochi passi dalla Piazza della Città Vecchia, in cui gli ebrei della città hanno vissuto dal 900 al 1708. Costretti a vivere in pochi chilometri
quadrati, gli ebrei hanno imparato a sfruttare ogni minimo spazio, creando una specie di
labirinto in cui case private, negozi e laboratori si confondevano. Qui sono vissuti il rabbino Low e il suo leggendario Golem, Franz Kafka e 77.279 ebrei cechi e moldavi massacrati dai nazisti. Non perdete il ghetto ebraico, anche se avete poco tempo per visitare Praga.

La casa Danzante di Praga


Una delle cose da vedere assolutamente durante una visita a Praga è la casa danzante, uno straordinario edifico dedicato alla grande coppia del ballo formata da Ginger Rogers e Fred Astaire. Fred e Ginger, infatti, è uno dei nomi che sono stati dati a questo palazzo sulla riva della Moldava costruito dal 1992 al 1996. Progettato e realizzato dall’architetto F.O Gerhy (lo stesso del Museo Guggenheim di Bilbao) è formato da due palazzi che sembrano una coppia di danzatori. Uno dei palazzi si protende verso l’altro, che immobile aspetta l’abbraccio dell’altro. All’ultimo piano c’è un ristorante francese da cui si gode una splendida vista sulla Moldava. Oltre all’architettura, quello che colpisce è la perfetta integrazione di questo modernissimo edificio con i palazzi circostanti, quasi tutti dell’ottocento.

Un giro in traghetto sulla Moldava


La vista di Praga dal fiume Moldava è un’esperienza unica. Il centro storico con i suoi famosi monumenti si presenta da una prospettiva diversa ed angoli insoliti. Affiancherete diverse isole lungo la Moldava e vi ritroverete in un lembo del fiume che vi permetterà di vedere una parte dell’argine che, di norma, non riuscireste a visitare. Nel giro di un’ora, vi lascerete la città alle spalle per emergere in alcune delle aree più tranquille di Praga.

Il vicolo d’oro degli alchimisti

Vicolo d'oro all'interno del Castello di Praga
Il Vicolo d’Oro si trova nel Castello di Praga. E’ solo una leggenda, una delle tante che avvolge Praga, ma non toglie nulla al fascino di questo vicoletto che quasi si perde nella maestosità del Castello di Praga. Il Vicolo d’Oro (Zlata Ulicka) è il vicolo degli alchimisti, che passavano le notti e i giorni alla ricerca di formule magiche, la più importante della quale doveva trasformare il ferro in oro. Le case sono piccolissime, quasi minuscole. In alcune il tetto è alto poco più di un metro; uguale larghezza ha anche la strada. In una di queste, al numero 22, viveva Franz Kafka (nella foto la casa azzurra).

Ponte Carlo


Il Ponte Carlo (Karluv Most) é un ponte in pietra in stile gotico che collega la Città Vecchia al Piccolo Quartiere, è una delle mete principali dei turisti ed è anche molto amato dagli artisti locali, musicisti e venditori di souvenir che vi collocano le loro bancarelle su entrambe i lati tutto l’anno. Forse il momento migliore per visitare il ponte é il tramonto, quando si può godere di una vista mozzafiato dell’intero Castello di Praga illuminato nella calante oscurità. Se in passato era consentito il traffico di auto e tram sul ponte, oggi é zona pedonale ed é quasi costantemente affollato di gente. Per visitarlo vuoto occorre andarci la notte tardi o nelle prime ore del mattino.

Piazza Venceslao

Piazza Venceslao a Praga
Nata come Mercato dei Cavalli (Konský trh) nel 1348 per volontà di Carlo IV, la piazza ha ricevuto il suo nome attuale durante la Rinascita Nazionale Ceca del 1848. Nel corso della storia ha rivestito sempre un grande significato storico come luogo di raduni, manifestazioni ed importanti avvenimenti che hanno segnato la storia ceca sin dal Medioevo, tra cui, per esempio, la dichiarazione della Prima Repubblica Cecoslovacca nel 1918, le proteste contro l’invasione sovietica del 1968 e la caduta del Comunismo nel 1989.

Immergetevi nell’atmosfera unica dei Pub di praga

Birra e Pub a Praga
Il nettare biondo scorre a fiumi a Praga o, per rimanere in tema di liquidi, immaginare Praga senza birrerie sarebbe come immaginare il mare senza pesci. La birra è la bevanda nazionale e per decreto reale già nel 1200 ogni piccolo paese o città del regno aveva la sua fabbrica di birra e la tradizione si è tramandata di generazione in generazione fino ai giorni nostri tanto che se fate un po’ i conti nei locali pubblici l’acqua costa più della birra… Le più grandi decisioni in questo paese si prendono di fronte ad un boccale di birra che aiuta ad immergersi in profonde meditazioni e dissertazioni su qualunque tema. Il turista in visita in questa città non può sottrarsi all’obbligo morale di visitare un luogo così tipico della cultura ceca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli interessanti :-)